Vendere su internet rende più di un negozio tradizionale

vendere-ecommerceNel giro di meno di dieci anni il volume d’affari generato dall’e-commerce è triplicato, facendo registrare negli ultimi tempi un incremento percentuale del fatturato a doppia cifra (intorno al 20%). Nell’arco dell’ultimo anno, lo shopping online è cresciuto da 11,2 a 13,3 miliardi di euro e se tre anni fa gli acquirenti online erano 9 milioni, oggi sono diventati 16 milioni. Nonostante – secondo quanto rivela l’Antitrust – un italiano su quattro nutra ancora una certa sfiducia nei confronti dell’e-commerce, la vendita online fa registrare una crescita piuttosto netta pure in Italia.

Negli ultimi anni, poi, è diventato sempre più comodo e veloce acquistare e vendere su Internet, tanto che pure i grandi store hanno deciso di cogliere l’opportunità offerta dal web dando la possibilità di vendere online in franchising oppure tramite l’apertura di uno store all’interno del loro circuito; è quanto fatto, ad esempio, dal sito Shoppingdonna.it, che garantisce la possibilità a tutti coloro che fossero interessati di aprire un negozio online all’interno del proprio circuito. La vendita su Internet, ormai, è in grado di rendere di più di un negozio tradizionale, anche perché sempre più consumatori si rivolgono al web quando arriva il momento di fare acquisti.

I navigatori online che si affidano all’e-commerce sono il 43%, e scelgono questa soluzione poiché ne apprezzano in primo luogo il risparmio e poi la comodità di poter fare acquisti seduti di fronte al pc o direttamente dal proprio smartphone o tablet, grazie alle ultimissime applicazioni che offrono questa possibilità. L’aumento del volume di affari dell’e-commerce si deve anche al rapido sviluppo a livello tecnologico, che rende questo genere di operazioni sempre più semplici e soprattutto veloci. Inoltre, ad invitare all’acquisto sul web i navigatori, è la maggiore possibilità di scelta rispetto ai negozi fisici, nei quali sempre più spesso non si trova ciò che si cerca, al contrario di quanto avviene online.

L’e-commerce ha modificato le abitudini dei consumatori, ma sta anche trasformando le imprese e questa mutazione è stata resa ancor più veloce dall’avvento del mobile e-commerce. L’incremento del commercio mobile è stato addirittura del 160% nell’ultimo anno e, nonostante un giro di affari ancora piuttosto ridotto che si attesta sul mezzo miliardo di euro, la sua diffusione si sta rivelando molto rapida, tanto che molto presto il volume d’affari farà registrare numeri più importanti. Tale rapidità, inoltre, sta costringendo imprese ed aziende ad una rincorsa frenetica per non farsi trovare impreparate di fronte a questa nuova forma di commercio.

Gli stessi addetti ai lavori si sono resi conto che non sfruttare tali potenzialità potrebbe essere dannoso in primis per le loro aziende, che finirebbero tagliate fuori dal giro che conta, e che per poterle sfruttare è necessario un cambio di approccio e mentalità che deve riguardare l’intera offerta. Stare al passo con i progressi tecnologici che modificano il mercato ed i modelli di business a gran velocità non è per tutti semplice. La strada verso cui tali progressi stanno indirizzando il commercio online è quella dei servizi personalizzati per i consumatori, che siano intuitivi e semplici da utilizzare, ma soprattutto veloci e gratuiti. Lo shopping del futuro, insomma, non avrà vincoli né di orario né di luogo.

999 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento tramite facebook

Ultimi commenti