• 27 Settembre 2020

“Intrecci musicali” al Teatro Stabile di Potenza

 “Intrecci musicali” al Teatro Stabile di Potenza

LA VII EDIZIONE DEGLI  “INTRECCI MUSICALI”, PROMOSSA DALLA PRO LOCO DI RUVO DEL MONTE, SI CHIUDE AL TEATRO “F. STABILE “ DI POTENZA

mastereE’ piuttosto inconsueto che una Pro Loco formata da giovani organizzi annualmente dei master di musica classica e di canto lirico. A Ruvo del Monte ciò, invece, non è un’eccezione, ma la regola, da ben sette anni. Infatti, iniziati con la Master Class di chitarra del m° Fabio Fasano, nel 2009, gli “Intrecci musicali” sono proseguiti con Master di arpa tenuti dalle maestre Anna Maria Manicone e Carmela Cataldo, di violino con il m° Riccardo Bonaccini, di violoncello con il m° Antonio Cavallo, di pianoforte con il m° Giuseppe Ciaramella e di canto lirico con la prof. ssa Mariangela Di Giamberardino. Non ci si è fatto mancare niente: nel 2014 si è tenuto finanche un laboratorio di teatro, con la nota attrice Irma Ciaramella.

Questa VII edizione degli “Intrecci musicali” ha fatto convergere nel piccolo paese bradanico giovani musicisti da diverse parti d’Italia che, sotto la guida autorevole di maestri di grande fama, hanno potuto perfezionare le proprie competenze e tecniche musicali. Il culmine dell’evento ha visto logico scenario la bella Chiesa Madre di Ruvo del Monte, dove, il 27 agosto, c’è stato il concerto finale della classe di pianoforte, diretto dal prof. Giuseppe Ciaramella, con protagonisti i diplomati di pianoforte: Marica Ferrandina, Martina Tamborrino, Francesca Grassano, Benedetta Iannuzziello, che hanno suonato, rispettivamente, Chopin, Mozart, Clementi, Schubert, Schumann, Mendelssohn, Kacciaturian, Monti e, come finale, un pezzo inedito del giovane maestro ruvese Rino Faggella.

Il 2 settembre, sotto l’altare, è stata la volta del Concerto della classe di Canto, sotto la direzione della famosa prof. ssa Mariangela Di Giamberardino, con accompagnamento al pianoforte del m° Ciaramella. In tale occasione hanno cantato: la soprano Cristiana Tabacco ed il mezzosoprano Lisa Brandolini ( “Sull’aria? Che soave zeffiretto”, da “Le nozze di Figaro” di W. A. Mozart); il baritono Valentino Mazzuca (“Hai già vinto la causa”, dalla stessa opera di Mozart); la mezzosoprano Serena Veccari (“Stride la vampa”, da “Il Trovatore” di G. Verdi); la soprano Alessia Paolini (“Adieu notre petite table”, dalla “Manon” di J. Massenet); la mezzosoprano Lisa Brandolini (“Va! Laisse couleur mes larmes”, dal “Werther” di Massenet); la soprano Diana Rossi e la mezzosoprano Caterina Falcone (“Mira o norma a’ tuoi ginocchi”, dalla “Norma” di V. Bellini); il talento ruvese Davide Marra (“Torna a Surriento”, di E. De Curtis). Non sono mancate “arie” di Donizetti, cantate da Alessia Paolini, Valentino Mazzuca, Caterina Falcone, e di D. F. Perez, cantata da Diana Rossi.

La magnifica acustica della vecchia chiesa parrocchiale ha contribuito al notevole successo riscosso da tutte le esibizioni musicali e, in particolare, dal canto lirico, dove, i blasonati maestri Giuseppe Ciaramella ( docente al Conservatorio  musicale “Gesualdo Da Venosa” di Potenza, concertista, direttore artistico, autore musicale, vincitore di diversi concorsi internazionali) e Mariangela Di Giamberardino ( docente al Conservatorio musicale de L’Aquila, nonché grande soprano di fama internazionale, vincitrice del “Premio G. Lauri Volpi”, 1992; attrice di prosa nella “Passione” di Antonio Calenda e nelle “Coefore” di Eschilo; regista delle opere di Pergolesi; direttrice artistica all’Auditorium “Tito Brandsma” di Roma etc.) hanno così potuto saggiare le qualità veramente eccezionali delle bravissime, esuberanti cantanti liriche e dell’unico artista maschio: il giovane, simpatico, talentuoso baritono Valentino Mazzuca, protagonisti speciali di  una top performance degna dei migliori teatri musicali italiani e anche oltre.

E, infatti, dopo la replica nella cattedrale di Melfi del giorno successivo, il 4 settembre tutto l’ensemble delle ugole d’oro  si è trasferito a Potenza dove, alla presenza del sindaco De Luca e di autorità regionali, si è replicato pari pari il repertorio. Lo spettacolo, presentato magistralmente dalla bravissima Rosanna Atzori, inutile dirlo, è finito in “crescendo”, riscuotendo un notevole successo di critica e di pubblico, accompagnato da ripetute standing ovation e richieste di bis. Un plauso, a questo punto, va tributato anche al direttivo della Pro Loco, nelle persone di Franco Fasano, Pietro Mira e Barbara Salvatori,  che tanto hanno creduto nel progetto. Ad maiora!

Prof. Domenico Calderone

 5,099 total views,  2 views today

Lascia un commento tramite facebook

Ultimi commenti

Altri articoli