• 15 Agosto 2020

San Fele si racconta “Giorno 3”

 San Fele si racconta “Giorno 3”

Iniziamo la rubrica della POESIA con un componimento che ha ottenuto il terzo posto all’interno della competizione indetta dal Centro Interuniversitario di ricerca in Dialettologia: la poesia “Nu prësèpië sènza tiémbë” scritta da Denise Giorgio.
“Nu prësèpië sènza tiémbë” è scritta nel dialetto di San Fele. Il componimento, che consta di 18 versi, è diviso in cinque strofe scritte in versi liberi: le prime quattro strofe sono quartine, mentre l’ultima è composta da un distico. Non sono presenti rime, ma si può notare la ricorrenza di assonanze e consonanze, come rispettivamente quelle fra crëiaturë e parutë tra i vv. 6-7 e anzë e malëpatènzë ai vv. 3-4.
Nel componimento l’autrice descrive con dovizia di particolari il suo paese natio: l’immagine che ne deriva è quella di uno splendido dipinto, uno scorcio paesaggistico senza tempo che rievoca il presepe, appunto. Le case sembrano essere persone che stanno vicine per farsi compagnia, come racconta la prima strofa della poesia.
La visuale è quella che si apprezza dall’alto del monte Castello, alle pendici del quale sorge San Fele. Il panorama pare immutato nel tempo, la presenza di sagome che si muovono lungo le strade della cittadina è il pretesto per rievocare vite vissute in quei luoghi, cariche di gioie, dolori e ansie.
La visione del paese natio trasmette una sensazione di calore e familiarità a chi legge il componimento. Quest’effetto è ottenuto non solo attraverso l’utilizzo di immagini poetiche, ma anche attraverso la descrizione degli odori (e qquirë addórë dë cavëzunë, panë cuóttë e ppéttëlë, v. 16) e dei suoni (na quiétë, v. 18) tipici di quelle vie. La mescolanza di sensi diversi è evidente in particolar modo nell’utilizzo di una sinestesia nella parte finale del componimento l’arië së ndéngë sulë dë na quiétë ca stërlucë cchiù dë na stéddë, dove la sfera sensoriale dell’udito si interseca con quella della vista.

“Nu prësèpjë sènza tiémbə”

Da sópë au castiéddë
stu paisë parë nu prësèpië
na chiórmë dë casë unë mbiéttë a l’avëtë, quasë a ddarësë anzë
a ccunzularësë da malëpatènzë.
Passënë paisanë e qquacchë stranië
ca da qua parënë picchë cchiù ca crëiaturë
ògnë ccósë ténë n’ata parutë
purë i dëlurë e rë ggastémë ca pésanë cumë stë pprétë.
Sanda Lucijë, a còstë, a prèulë, a chiazzë,
quanda garzunë e ssignurë hannë tramèndë dë strafaccià
pë rë ggiravótë dë stë vvijë
strappulijà ggiuvënë, fémmënë e uidëvë.
Óšë ógnë ccósë më parë cumë aiérë
chi së rë ppótë scurduà i šuóchë dë na vótë?
I strummëlë pë qquérë stréttëlë, rë vvëcchiarèddë catë au fucuariéddë,
e qquirë addórë dë cavëzunë, panë cuóttë e ppéttëlë?
Mò l’arië së ndéngë sulë dë na quiétë ca stërlucë cchiù dë na stéddë
ògnë ccósë parë sandë cumë nda na chiésë e ssènza tiémbë.

Un presepe senza tempo

Dall’alto del monte Castello
questo paese sembra un presepe
un insieme di case accostate le une alle altre, quasi a farsi compagnia,
a consolarsi dalla cattiva sorte.
Passano paesani e qualche forestiero
che da qua sembrano poco più che bambini,
ogni cosa ha un altro aspetto,
anche i dolori e le bestemmie che pesavano più di queste pietre.
Santa Lucia, la costa, la pergola, la piazza,
quanti servitori e signori hanno visto svoltare
per le curve di queste strade,
vivere alla men peggio giovani, donne e vedovi.
Oggi ogni cosa mi sembra come ieri.
Chi può dimenticare i giochi di una volta?
Le corse per i vicoli, le vecchiette vicino al fuocherello,
e quell’odore di calzoni, pane cotto e frittelle?
Ora l’aria si tinge solo di una quiete che luccica più di una stella,
ogni cosa sembra santa come in una chiesa e senza tempo.

Passiamo ora ad analizzare qualche aspetto linguistico della varietà sanfelese. San Fele si trova nella parte nord-occidentale della Basilicata. Nei versi di Denise Giorgio possiamo rintracciare diverse peculiarità dei dialetti che si trovano in tale fascia geografica, come ad esempio il Raddoppiamento Fonosintattico (il raddoppiamento della consonante iniziale di alcune parole in dipendenza da specifici elementi della frase) per segnalare il genere femminile plurale. Vediamo qualche caso: rë ggastémë [rë g:aˈstemə] ‘le bestemmie’(v. 8), rë vvëcchiarèddë [rə v:ək:jaˈrεd:ə] ‘le vecchiette’ (v. 15). Il Raddoppiamento Fonosintattico non si registra, però, solo dopo l’articolo femminile plurale, bensì anche dopo alcuni aggettivi, come i dimostrativi (stë pprétë [stə ˈp:retə] ‘queste pietre’ (v. 8), stë vvijë [stə ˈv:ijə] ‘queste vie’ (v. 11)), e addirittura dopo i pronomi complemento atoni (së rë ppótë scurduà [sə rə ˈp:otə skurˈdwa] ‘se li può dimenticare’ v. 14). In quest’ultimo caso, però, come dimostra anche l’esempio, provoca Raddoppiamento Fonosintattico anche il pronome complemento atono maschile plurale, oltre che femminile plurale.

Un’altra caratteristica osservabile attraverso la poesia è il fatto che nel dialetto di San Fele (-)DJ-, (-)J- e (-)G+ E, I– etimologici sono evoluti in (-)š– (-)[ʃ]-, come si può osservare in parole come òšë [ˈɔʃə] ‘oggi’(v.13) < lat. HODIE, e šuóchë [ˈʃwokë] ‘giochi’ (v. 14) < lat. IOCI.
Infine, nel dialetto di San Fele è presente la propagginazione da –u -[u], cioè la proiezione nella sillaba successiva della vocale velare -u, presente nella sillaba precedente. Questo fenomeno può verificarsi tanto tra sillabe appartenenti a parole diverse (ad esempio come in u nuasë [u ˈnwasə]‘il naso’, fra articolo e parola successiva) quanto tra due sillabe della stessa parola, come in fucuariéddë [fucuaˈrjed:ə] ‘fuocherello’.
Fonte: talentilucani.it

Elisa Chieca

 532 total views,  4 views today

Lascia un commento tramite facebook

Ultimi commenti

Altri articoli